Dati tecnici:

Realizzato da David nel 1784, su commissione di Luigi XVI, il ‘Giuramento degli Orazi’ è un olio su tela, considerato manifesto del neoclassicismo e oggi conservato al Museo du Louvre di Parigi.

Descrizione dell’opera:

La tela si riferisce a un evento della storia dell’antica Roma: lo scontro tra i fratelli Orazi e i fratelli Curiazi ai fini di definire le sorti della città di Albalonga. Il momento ritratto da David è quello del giuramento fatto dai tre fratelli Orazi al padre (o vincere o morire). La tela si sviluppa orizzontalmente e l’ambientazione è quella dell’atrio di una domus, sullo sfondo l’artista raffigura con estrema nitidezza una trifora archivoltata a tutto sesto che viene sorretta da colonne di ordine tuscanico prive di basamento. La pavimentazione è scomposta in quadrati ed è caratteristica dell’età antica, come desumibile dall’impiego dell’opus spicatum che veniva largamente utilizzato nell’antica Roma. Sull’estremità destra della tela vengono ritratte delle donne, in particolare la prima a partire da sinistra è la madre rappresentata nell’atto di abbracciare i figli più piccoli, centralmente si trova la sorella e, infine, la moglie di uno dei tre fratelli. Le donne pur vivendo un momento difficile riescono a non far trasparire le emozioni al fruitore, mantenendo un’eleganza formale (evidente condizionamento del principio neoclassico proposto dal Winckelmann.

Caratteristiche del periodo

Il ritorno ai canoni classici tipico di questo periodo artistico è attestato dal ritorno di una rigorosa prospettiva scientifica che viene sottolineata dalle linee del pavimento, anche la luce torna ad essere razionale, in questo caso proveniente da sinistra. Evidente è l’allusione all’antico: l’architettura proposta sullo sfondo rimanda alla classica architettura romana e, lo stesso abbigliamento dei personaggi, rispecchia fedelmente quello dell’antica Roma.

Caratteristiche dell’artista:

Tipico dell’artista risulta essere la concretizzazione dell’ideale etico (espresso in chiave teorica dal Winckelmann): come in tutte le opere di David è evidente la volontà di rappresentare i protagonisti, seppur in un episodio con estremo patetismo (i tre protagonisti sono disposti a morire), nel momento precedente all’azione (il duello). Sulla parte di destra anche le donne soffrono, ma si tratta di una sofferenza contenuta. Un altro elemento proprio di David è la scelta di proporre un episodio della storia antica condensando nello stesso degli elementi che alludono a eventi contemporanei all’artista:in questo caso l’artista allude, in un’opera ambientata nel passato, agli ideali della Rivoluzione Francese:
– la libertà: i colori dei vestiti del figlio in primo piano sono i colori della bandiera di Francia (blu bianco e rosso) che, allora sede della rivoluzione, veniva considerata la patria della libertà
-la fraternità: ideale a cui allude l’abbraccio che lega i tre fratelli
-l’uguaglianza: espressa da un espediente prospettico, infatti, sebbene l’intero dipinto rispetti le regole di prospettiva scientifica, tutti e tre i fratelli presentano la medesima altezza anche se posti su piani diversi.

Studio compositivo:

Per quanto riguarda lo studio compositivo, l’opera è visibilmente tripartita, a sottolineare la tripartizione sono le colonne della trifora che danno vita a tre sezioni distinte: ognuna di queste sottolinea dei personaggi, in particolare nella porzione di sinistra i tre fratelli, in quella centrale il padre e infine sulla destra le tre donne.